sabato 23 luglio 2011

Lettera al nostro futuro* figlio

* futuro NON immediato, specifichiamolo prima di mandare in agitazione parenti e amici

Caro Giandöner (galeotto fu il kebab???)

il mondo è un posto meraviglioso, nonostante i suoi abitanti spesso tentino di dimostrarti il contrario.

Vai, esploralo, conoscilo, non ti fermare davanti a nessun confine: sperimenta nuove culture, impara nuove lingue, assaggia nuovi cibi.

Due consigli ci sentiamo di darti:

1- sii curioso, aperto: ogni posto ha qualcosa di bello, a volte magari devi andare oltre la facciata per scoprirlo... ma provaci, sempre

2- se riesci, evita di essere così mona come i tuoi genitori e prima di trasferirti in un nuovo paese magari assicurati che a luglio non ci siano 15 gradi, vento gelido e pioggia frequente!

Con amore,

i tuoi genitori

8 commenti:

  1. ;-) e sto qua con la bronchite....

    RispondiElimina
  2. Ciao cara....se passi da me ce´ un premio per te!

    RispondiElimina
  3. Eccolaaaaaa...un'altra espatriata in Germania...
    E mi state terrorizzando, perchè questo sarà il mio primo inverno tedesco e io ho pauuuuuuura del freddo....

    Piano Piano leggerò tutto il tuo blog...

    Baci da un'espatriata ad Hamburg...

    RispondiElimina
  4. ahahah zia Atena il mio primo inverno tedesco e´ stato traumatico ho visto la prima neve con forte anticipo ad aprile e in inverno pieno si toccavano certi giorni -15 ed io vengo dalla Sicilia, le mie guancie erano sul viola.Quest´anno e´ andato meglio!:D

    RispondiElimina
  5. L'inverno quissù non è freddo come te lo immagini... lo è di più! no scherzo... una decina di tazze di gluhwein e non si sente più nulla (proprio nulla....).

    RispondiElimina
  6. no..cioè...GRAZIE TANTE EHHHH!!!
    Inoltro la lettera di licenziamento e me ne torno in Italia...e addio sogni di gloria...

    RispondiElimina
  7. a febbraio (io ero appena arrivata) siamo scesi a -15 in realtà -20 percepiti a causa del vento, aspettare il tram dopo le 11 di sera in strada per più di 3 minuti voleva dire rischiare la morte per congelamento... io sono arrivata a una quantità di strati che l'omino Michelin a confronto pare Kate Moss!

    RispondiElimina